La musica dance sbarca in città con gli Eiffel65

Non serve un grande sforzo per presentare l’ospite della Notte dei desideri 2016, basterebbe citare qualche dato: hanno venduto quasi venti milioni di copie nel mondo, si sono esibiti praticamente dappertutto con i loro tour mondiali, sono il gruppo italiano che ha venduto più copie negli Stati Uniti, sono entrati nella top10  della prestigiosa classifica di Billboard.

Campioni assoluti della scena dance, gli Eiffel65 raggiungono il successo immediatamente, con il loro primo album, “Europop”, nel 1999, superando i quattro milioni di copie vendute. Durante il successivo tour mondiale, che dura quasi due anni, preparano i pezzi per il loro secondo lavoro in studio, “Contact!”.

Pubblicato nel 2001, questo album si discosta dalle sonorità tipiche della dance anni ’90 che caratterizzavano Europop, e prende la sua ispirazione dalle melodie che hanno segnato gli anni 80. L’album è un’altro successo mondiale, e permette alla band italiana di ricevere la candidatura ai Grammy Awards del 2001.

Dopo due anni di pausa, nel 2003 tornano sulla scena con il loro terzo album, intitolato semplicemente “Eiffel65”, che cambia nuovamente rotta, e proietta il gruppo sulla scena pop; in questo lavoro infatti, le sonorità dance se non proprio sparite, sono molto marginali. Nello stesso anno partecipano al Festival di Sanremo con il brano “Quelli che non hanno età”, e nonostante il 15° posto finale riscuoteranno comunque un buon successo, e la loro esibizione sarà la più seguita di quell’edizione della kermesse sanremese.

Dopo l’uscita dalla band di Gabri Ponte, nel 2005, gli Eiffel65 si prendono una lunga pausa, fino al 2010 quando viene annunciata la reunion del gruppo che parte così per un nuovo tour mondiale: il New Planet Tour.

Durante la tournee il gruppo italiano inizia a lavorare sul materiale che andrà a comporre il loro quarto album, e che segnerà un nuovo cambio di rotta del band.

Ad Aprile di quest’anno gli Eiffel65 suonano in anteprima il loro nuovo singolo, intitolato “Panico”, che precede di un paio di mesi l’uscita del loro quarto album intitolato “TBA”,