Guthrie Govan & The Aristocrats

Jazz, rock, blues, fusion…c’è tutto, e anche di più, nella musica di questo trio che definire eclettico è quanto mai riduttivo.
Formatasi nel 2011 la band The Aristocrats comprende il chitarrista Guthrie Govan (Steven Wilson, Asia/GPS), il bassista Bryan Beller (Satriani, Dethklok) e il batterista Marco Minnemann (Steven Wilson, Satriani), ed è giunta al terzo album in studio ” Tres Caballeros” (2015), che fa seguito ai precedenti “The Aristocrats” (2011) e “Culture Clash (2013).

La cosa più sorprendente degli album di questa band, è l’equilibrio che si riscontra nell’ascolto; nonostante siano album strumentali, composti e suonati da virtuosi di primissimo livello, non manca mai la musicalità e si percepisce chiaramente che le scelte stilistiche, sempre sofisticate, mai banali, a volte persino autoironiche , non vanno mai a danneggiare la godibilità del prodotto finale. Manca in definitiva, l’ autocompiacimento tipico dei virtuosi degli anni ’80, che non riuscivano spesso a mettere completamente a frutto le loro doti tecniche.

Punta di diamante di questa band per gli appassionati della chitarra è Guthrie Govan; il chitarrista britannico è l’incarnazione perfetta di una nuova e più moderna generazione di “shredder”, dotato di una tecnica eccellente (nel 1993 viene eletto miglior chitarrista del piante grazie al suo pezzo “Wonderfull Slippery Thing”) e ricco di buon gusto musicale, riesce a spaziare come pochi al mondo fra diversi generi musicali senza il minimo problema. Le sue qualità ne fanno un punto di riferimento, per tutti i chitarristi del mondo.

In questo periodo la band è in tour per promuovere il loro ultimo lavoro in studio, ed in alcune date si unirà al progetto G3, esibendosi al fianco di Satriani e Vai, e siamo certi che il 4 Luglio questo spettacolare gruppo ci lascerà a bocca aperta.